gear gear gear

facebook twitter google-plus-2 youtube

Motore aeronautico Basse und Selve Bus.IV
1917-1918



18

Note Storiche

Dal 1906 la Basse und Selve AG era una rinomata fabbrica con una posizione di rilievo nella produzione di stantuffi in alluminio e, come tante altre industrie, si impegnò nella produzione bellica, nel corso della Prima Guerra Mondiale, su incarico dell’Idflieg (Inspektion der Fliegertruppen, Ispettorato dell'Aviazione militare). Inizialmente, avendo partecipato senza successo a due concorsi ministeriali per la fornitura di motori aeronautici, in mancanza di commesse militari, la B&S dovette temporaneamente sospendere la produzione di motori aeronautici. Alla fine del 1915, la B&S, superato anche lo scetticismo delle autorità militari sulla tecnologia degli stantuffi in alluminio, ottenne una commessa dall’Idflieg per un motore con 6 cilindri in linea da 300 CV. Di conseguenza fu sviluppata una prima versione da 20 litri con 260 CV, con cilindri di tipo Mercedes con teste avvitate, 4 valvole per cilindro ed un albero a camme in testa azionato da ingranaggi. Inizialmente fu dotato di stantuffi in fusione di alluminio, successivamente realizzati in pressofusione. Le prove di collaudo ed omologazione del 1916/17 furono interrotte più volte a causa di numerosi problemi così che la B&S fu costretta ad una rielaborazione completa del motore. A seguito delle modifiche e con la nuova cilindrata di 22,7 litri, nell’ottobre del 1917 il motore Bus.IV superò le prove di omologazione con 278 CV in condizioni di funzionamento normale. Di questo motore sono stati costruiti 330 esemplari destinati ad equipaggiare i più grandi velivoli militari di classe G e R: bombardieri e ricognitori a lungo raggio. In seguito, nella ricerca di prestazioni sempre maggiori, soprattutto in alta quota, furono sviluppati a partire dal Bus.IV altri due motori di tipo “surcompresso” denominati Bus.IVa e Bus.Vü: questi avevano il rapporto di compressione incrementato (da 4,7 a 5,6 ed infine 6,3), alesaggio maggiorato (da 155 mm a 160 mm ed infine 165 mm) ed erogavano una potenza nominale rispettivamente pari a 300 CV e 350 CV a 1400 giri/minuto e 1800 metri di quota. I motori Bus.IV e Bus.IVa sono stati i più grandi motori con 6 cilindri in linea costruiti in serie durante la Prima Guerra Mondiale.


Scheda tecnica

CostruttoreBasse und Selve, Altena (Westfalia), Germania 1917-1918
TipoBus.IV
Descrizionemotore aeronautico con 6 cilindri in linea, basamento in alluminio con 7 supporti di banco, cilindri e teste in acciaio con camicie di raffreddamento a parete sottile in acciaio saldato, stantuffi in alluminio
Corsa200 mm
Alesaggio155 mm
Cilindrata22650 cm³
Rapporto di compressione4,7:1
Potenza303 CV a 1450 giri/minuto (potenza massima sul livello del mare) - 278 CV a 1400 giri/minuto (potenza di servizio sul livello del mare)
Consumo specifico230 g/CVh
Potenza specifica13,4 CV/l
Sistema di distribuzione4 valvole in testa per cilindro, comandate da un albero a camme in testa azionato da ingranaggi
Sistema di alimentazionea benzina con due carburatori monocorpo, provvisti di sistema di compensazione della quota
Sistema di accensionedue candele per cilindro alimentate da due magneti distributori ad alta tensione Bosch Zh6; ordine di accensione: 1-5-3-6-2-4
Sistema di raffreddamentoa liquido, con pompa centrifuga
Sistema di lubrificazioneforzato, con una pompa alternativa con 2 stantuffi contrapposti
Massa410 kg
Rapporto massa/potenza1,71 kg/CV


Applicazioni

Rumpler C.IV (ricognitore) Siemens-Schuckert R.VIII (bombardiere) Hansa-Brandenburg W.29 (caccia e ricognitore idrovolante)

Download Poster

Galleria foto


 - Museo Motori UNIPA

 - Museo Motori UNIPA

 - Museo Motori UNIPA

 - Museo Motori UNIPA
Login
Realizzazione sito: Pasquale Pillitteri


unipa
unipa
unipa