gear gear gear

facebook instagram twitter youtube linkedin issuu wikipedia tripadvisor izi.TRAVEL GoogleArtsmini

FIAT G. 59 4B
1952



11

Note Storiche

Il velivolo addestratore FIAT G. 59 è stato uno degli ultimi aerei di grandi prestazioni dotati di motore alternativo prima dell’avvento dei moderni turbogetti, nonché uno dei simboli della rinascita post-bellica dell’industria aeronautica italiana. Nel 1947 l’ingegnere di origini nissene Giuseppe Gabrielli, uno dei più importanti progettisti aeronautici italiani, sviluppò il G. 59 a partire dal FIAT G. 55 Centauro, considerato tra i migliori velivoli da caccia della seconda guerra mondiale. Il G. 59, da sempre molto apprezzato sia in Italia sia all’estero, è stato prodotto negli stabilimenti torinesi di Fiat Aviazione a partire dal 1950 per essere prevalentemente impiegato fino al 1965 dall’Aeronautica Militare come velivolo per l’addestramento avanzato e per il volo acrobatico. Il velivolo può raggiungere la velocità massima di 609 km/h grazie al suo motore Rolls Royce Merlin (versione 500-20), a 12 cilindri a V con turbocompressore a comando meccanico, che è in grado di fornire una potenza massima assoluta di 1660 CV all’elica quadripala a passo variabile. Il FIAT G. 59 avente Matricola Militare 53530 è stato costruito alla fine del 1952 ed è stato impiegato prima nella Regione Aerea di Bari (con marche RB-40)e successivamente nella Regione Aerea di Roma (con marche RR 73). Dopo aver concluso il suo servizio operativo presso nell’Aeronautica Militare, è stato acquistato nel 1964 dall’ex Istituto di Aeronautica dell’Università degli Studi di Palermo. Oggi è uno dei soli 5 esemplari completi sopravvissuti nonché uno dei pezzi più importanti del Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi, che ne ha curato il restauro e provvede alla sua conservazione.

Virtual tour

Cockpit virtual tour

Approfondimenti su Google Arts&Culture


Scheda tecnica

CostruttoreFIAT Aviazione, Torino, 1952
TipoG. 59 4B
Serie costruttivaVII, N.C. 115
Matricola Militare53530 - RR 73 (2° Regione Aerea Roma; ex RB 40, 3° Regione Aerea Bari)
Descrizionevelivolo addestratore, con struttura metallica, biposto, a doppio comando
Velocitā massima609 km/h alla quota di 6400 m
Quota di tangenza pratica12100 m
Massimo rateo di salita64 km/h alla quota di 2000 m
Spazio di decollo180 m in 8.5 secondi, con ipersostentatori
Massa a vuoto2850 kg
Superficie alare21.11 mē
Apertura alare11860 mm
Lunghezza massima9476 mm
MotoreRolls Royce Merlin 500-20, a 12 cilindri a V di 60°, raffreddato a liquido, con compressore centrifugo a comando meccanico con 2 rapporti di trasmissione
Potenza massima assoluta1660 CV (per max. 5 minuti) a 3000 giri/minuto alla quota di 687 m
ElicaFIAT Hamilton 5010, quadripala idromatica a giri costanti, diametro 3400 mm
Carico di combustibile350 litri in condizioni normali, 600 litri con serbatoi esterni sganciabili
Autonomia762 km a 488 km/h alla quota di 5600 m, in condizioni normali; 1352 km a 460 km/h alla quota di 5500 m, con serbatoi esterni sganciabili


Applicazioni

Utilizzato come velivolo addestratore presso l'Aeronautica Militare Italiana.

Download Poster

Galleria foto


Cockpit anteriore - Museo Motori UNIPA
Login
Realizzazione sito: Pasquale Pillitteri